News

Una nuova struttura organizzativa per HModa che valorizza la collaborazione con gli imprenditori delle partecipate

15 Maggio, 2024
Scritto da HModa
15 Maggio, 2024
Scritto da HModa

La nuova struttura strategica sarà articolata su quattro Business Unit per una governance sempre più condivisa ed integrata tra le 16 società del Gruppo.

Hind annuncia inoltre la fine della collaborazione con Giulio Guasco, che ha partecipato alla crescita del Gruppo durante il suo mandato di CEO.

Hind SpA comunica il termine della sua collaborazione con il Sig. Giulio Guasco, che ha scelto di perseguire altri obiettivi personali, e presenta la nuova struttura organizzativa di HModa, polo di eccellenza attivo in tutti i segmenti della filiera italiana della moda.

Durante il mandato di Giulio Guasco come Amministratore Delegato, HModa si è trasformato da una visione in una realtà concreta nel panorama della produzione Made in Italy, diventando un gruppo di 16 eccellenze manufatturiere con oltre 1.500 collaboratori e un fatturato di più di 300 milioni di euro.

 

Claudio Rovere, Presidente e Fondatore di Hind Spa, ha così commentato: “Desidero esprimere la mia gratitudine a Giulio Guasco per il contributo fornito ai risultati raggiunti in questi anni.  Oltre ad accompagnare imprenditori ed aziende nel processo di ingresso e integrazione nel nostro gruppo, Giulio ha supportato le relazioni con i nostri clienti e la realizzazione di alcune iniziative strategiche, come il lancio dei programmi di formazione dell’Accademia HModa e la creazione dello Showroom & Lab di Parigi.

Giulio Guasco ha dichiarato: “Sono orgoglioso di aver fatto parte di questo progetto e di aver lavorato con una squadra così eccezionale. Ringrazio Claudio Rovere per avermi offerto l’opportunità di incontrare persone straordinarie, da cui ho imparato tanto e alle quali spero di aver contribuito in modo significativo”.

 

Alla luce della forte crescita ed evoluzione del Gruppo, è stata creata una nuova struttura organizzativa dove il core business di tutte le aziende viene centralizzato (in base all’area di appartenenza) all’interno di una delle 4 Business Unit strategiche: abbigliamento, calzatura, pelletteria e tessuto.

Ciascuna Business Unit sarà guidata da un imprenditore del Gruppo, che si occuperà di essere un riferimento per la propria area, supportato dal Presidente Claudio Rovere, e si coordinerà con le altre Business Unit in modo da garantire sinergia e collaborazione per raggiungere obiettivi comuni.

In questa nuova struttura organizzativa, Claudio Rovere, fondatore e Presidente di HModa, continuerà a mantenere il ruolo di indirizzo strategico e di coordinamento degli imprenditori del Gruppo.

Claudio Rovere ha dichiarato: “Il Gruppo HModa si sta ampliando, sia in termini di fatturato che di persone, e per questo necessita di una struttura ancora più efficiente ed organizzata, capace di valorizzare al meglio tutte le aziende che ne fanno parte. Abbiamo avviato questo progetto affiancati da tutti gli imprenditori, che ne rimangono parte attiva; lo proseguiamo con lo stesso intento di far crescere ogni singola azienda all’interno del Gruppo.

 

 

Leggi articolo completo
News

HModa si rafforza nelle lavorazioni speciali con l’acquisizione di PuntoArt S.r.l.

8 Maggio, 2024
Scritto da HModa
8 Maggio, 2024
Scritto da HModa

La subholding di Hind finalizza – tramite la sua partecipata Rilievi – l’acquisizione della maggioranza dell’azienda emiliana specializzata in ricami e decori di alta qualità, con all’attivo diverse collaborazioni con importanti Maison nazionali e internazionali del lusso

Con questa nuova operazione, HModa amplia e integra così la sua offerta nel mondo dell’embellishment, proseguendo nel suo percorso industriale di investimento nelle eccellenze della filiera italiana della moda

Holding Moda (HModa)  annuncia l’acquisizione del 100% di PuntoArt S.r.l., realtà specializzata nella realizzazione di embellishment, ricami e decorazioni su tessuto. Perfezionata attraverso Rilievi, capofila del segmento dell’embellishment ed entrata in HModa nel settembre 2022, questa operazione porta HModa a rafforzare il proprio posizionamento nel segmento, accogliendo un’altra realtà rappresentativa dell’eccellenza del Made in Italy.

Fondata a San Mauro Pascoli (FC) nel 1981 con un iniziale focus sul ricamo, PuntoArt ha successivamente ampliato le competenze fino a specializzarsi in tutte le principali forme di decoro contemporanee. Sotto la guida della fondatrice, Franca Pironi, affiancata dal marito Paolo Raggini, l’azienda è cresciuta negli anni, puntando sull’innovazione con continui investimenti in nuove tecnologie volti a diversificare l’offerta e ad incrementare la produttività. Oggi PuntoArt si distingue per un’ampia gamma di lavorazioni che abbracciano sia le tecniche tradizionali che quelle all’avanguardia: dal taglio laser di precisione alle incisioni raffinate, passando per l’eleganza del Cornely e l’arte del macramè, fino alle termosaldature e alle lavorazioni con borchie. Con un organico di circa 30 addetti, nel 2023 PuntoArt ha registrato un fatturato di circa 2,5 milioni di euro.

Con l’arrivo di PuntoArt, HModa vanta ora un portafoglio diversificato di 17 società partecipate, tra cui Uno Maglia (lavorazioni in jersey), Alex&Co. (capi di abbigliamento in pelle), RBS (capispalla), Albachiara (abbigliamento leggero donna), GAB (pelletteria), Project (denim), Valmor e Dema (calzature), Famar (abbigliamento uomo donna), Rilievi e Punto Art (embellishment e ricamo), Seriscreen (serigrafia e stampa su pelle e tessuti), Beste (produzione tessuti e abbigliamento), Elledi (tomaificio), Lanificio Arca (tessitura a navetta di lana e cashmere), Taglionetto ed Emmetierre (piccola pelletteria).

Rilievi e HModa sono state assistite da STPG, tramite STPG – Scouting Capital Advisors in qualità di advisor finanziario e da PWC in qualità di advisor legale con un team guidato dagli Avvocati Filippo Zucchinelli e Giulio Della Casa mentre la due diligence è stata curata dallo Studio Brini di Bologna per gli aspetti fiscali, e da HRSTP di Bologna per gli aspetti giuslavoristici. PuntoArt è stata assistita dallo Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati di Bologna, con un team composto dal Dott. Claudio Orsini, nel ruolo di financial advisor, e dalla Dott.ssa Luisa Pasquali, nel ruolo di tax advisor, e dallo Studio Legale Bontempi di Faenza in qualità di advisor legale.

Claudio Rovere, fondatore e Presidente di Hind, ha dichiarato: “Questa acquisizione rappresenta un altro passo importante per il posizionamento di HModa, consentendoci di consolidare la nostra offerta nel mondo delle lavorazioni speciali con un progetto sinergico e coerente con la nostra visione industriale di lungo periodo: promuovere lo sviluppo di realtà virtuose, capaci di rappresentare alla perfezione l’eccellenza del Made in Italy”.

Simona Finelli e Stefania Marocchi, fondatrici di Rilievi, e Michele Galliano, CEO, aggiungono: “Rilievi si è impegnata per portare PuntoArt – nostro importante partner da tempo – all’interno di HModa, sottolineando la qualità delle sue lavorazioni, la continua ricerca di perfezionamento e tecnologie all’avanguardia e l’elevata attenzione che rivolge alle esigenze dei clienti del mondo del lusso. Siamo quindi entusiasti di avviare un rinnovato percorso di crescita nell’embellishment con una società e un team di indiscutibile valore”.

Franca Pironi e Paolo Raggini dichiarano: “Siamo certi che entrare a far parte di HModa accanto a Rilievi darà a PuntoArt una nuova e significativa accelerazione, oltre all’opportunità di poter contare sull’esperienza e su competenze di un Gruppo solido e di riferimento nel settore, con cui condividiamo valori e filosofia”.

 

Leggi articolo completo
News

La ministra francese Olivia Grégoire visita l’azienda italiana Beste del Gruppo HModa per conoscere la produzione Made in Italy che alimenta il sistema moda

16 Aprile, 2024
Scritto da HModa
16 Aprile, 2024
Scritto da HModa

Il ruolo del Made in Italy nel contesto del lusso globale: la visita della Ministra Olivia Grégoire a Beste SpA, società del Gruppo HModa

Beste – società del Gruppo HModa e punto di riferimento nel panorama italiano e internazionale per la produzione tessile e la confezione di abbigliamento – ha accolto nel pomeriggio di lunedì 15 aprile la Ministra del Governo francese per le Imprese, il Turismo e il Consumo, Olivia Grégoire per una visita alle diverse sedi produttive a Cantagallo e Prato. Nello scenario produttivo, Beste si distingue per aver costruito già a partire dal 2001 una propria filiera produttiva interamente controllata e tracciabile, interpretando così l’eccellenza del Made in Italy nel settore del lusso a livello internazionale.

L’incontro ha offerto alla Ministra l’opportunità di esplorare da vicino la realtà produttiva italiana, caratterizzata dalla sua forte competitività nonostante la tendenza del settore alla decentralizzazione della produzione verso i Paesi orientali. Il tessuto industriale italiano, consolidato nel tempo, continua a sostenere il sistema moda ed in particolare quello del lusso a livello globale, fondendo il ricco patrimonio artigianale ad un costante impegno nell’innovazione dei processi produttivi.

La collaborazione tra le realtà produttive italiane e i prestigiosi marchi del lusso appartenenti ai gruppi francesi è un legame solido e duraturo, secondo una dinamica di reciproca utilità che rappresenta la vera essenza di questo scambio tra domanda e offerta. Essa si basa sull’offerta di un know-how artigianale di elevato livello, radicato principalmente nei distretti tessili e produttivi italiani, che continuano a essere pionieri nella ricerca della qualità e dell’innovazione.

Giovanni Santi, Amministratore Delegato di Beste, afferma: “Siamo onorati di rappresentare il Made in Italy nel contesto del sistema moda e di illustrare la nostra filiera tessile e di abbigliamento, totalmente italiana, che si estende dalla materia prima al capo finito e che opera, oggi, sull’intero territorio nazionale“.

Matteo Santi, Consigliere Delegato di Beste, prosegue: “Questa visita conferma il riconoscimento internazionale della competitività e dell’interesse per il nostro sistema produttivo. È un’opportunità di riflessione su quanto sia cruciale investire nel settore per mantenere la leadership mondiale per lo sviluppo e la manifattura di capi d’abbigliamento realizzati con tessuti organici autenticamente “Made in Italy”, e pertanto ad elevato contenuto funzionale ed innovativo.

Claudio Rovere, Fondatore e Presidente di HModa, ha aggiunto: “Siamo estremamente entusiasti della visita della Ministra francese, Olivia Grégoire, presso alcune delle strutture del nostro Gruppo, in quanto evidenzia il riconoscimento istituzionale al nostro impegno nel promuovere la cooperazione produttiva, sociale ed economica, oltre all’artigianalità in un accordo di partenariato tra i due paesi. Grazie alle realtà francesi, che per HModa sono dei partner strategici, sia in termini di business sia di sistema moda, guardiamo con fiducia al futuro delle nostre collaborazioni con il reciproco impegno nel costruire un futuro di crescita condivisa e sostenibile“.

Leggi articolo completo
News

HModa inaugura l’Ente Formativo Calzaturiero delle Marche per supportare la filiera regionale e nazionale creando nuove professionalità

5 Aprile, 2024
Scritto da HModa
5 Aprile, 2024
Scritto da HModa

HModa lancia a Civitanova Marche l’ente formativo accreditato dalla Regione Marche dedicato alla formazione di artigiani del Made in Italy nel settore della calzatura d’alta gamma

Il prossimo 8 aprile partirà il primo corso, finanziato dalla Regione Marche attraverso il PR FSE + 2021-2027 e patrocinato dal Comune di Civitanova Marche, che avrà una prima classe di 15 partecipanti ed un successivo inserimento nelle aziende del Gruppo o del territorio

Holding Moda (HModa) annuncia, attraverso Accademia HModa Società Benefit srl, la creazione dell’Ente Formativo Calzaturiero delle Marche (EFC Marche), il nuovo centro di formazione creato nei pressi del Calzaturificio Valmor (Gruppo HModa).

Questo nuovo ente di formazione, accreditato dalla Regione Marche, mira a colmare il gap generazionale di artigiani specializzati nel settore calzaturiero di alta manifattura. Trasmettendo gli standard di eccellenza della calzatura Made in Italy, l’EFC formerà risorse professionali pronte all’impiego presso le manifatture del Gruppo HModa e di altre realtà dell’ecosistema manifatturiero regionale e nazionale.

Il primo corso, in partenza lunedì 8 aprile, sarà finanziato dalla Regione Marche attraverso il PR FSE + 2021-2027 e patrocinato dal Comune di Civitanova Marche, e sarà rivolto ai residenti nella Regione, tra cui studenti provenienti dagli istituiti tecnici e giovani in cerca di una prima occupazione, oltre ad altre fra le categorie più vulnerabili sul mercato del lavoro (come lavoratrici e over 50). Il percorso formativo “Addetto alla produzione in serie di calzature di alta manifattura” formerà 15 nuove figure professionali attraverso l’erogazione di 600 ore di formazione in cui si alterneranno teoria in aula e pratica nei laboratori dedicati, con focus specifici su orlatura, montaggio, finissaggio e controllo qualità. Completeranno il corso interventi di esperti del settore, visite formative, masterclass e webinar di approfondimento e uno stage immersivo in azienda. Al superamento della prova finale verrà rilasciato l’Attestato di Qualifica (livello EQF3) di Addetto alla Produzione in Serie di Calzature e – ad almeno il 51% dei diplomati – sarà garantito l’inserimento all’interno del Gruppo HModa o di un’altra azienda calzaturiera del territorio marchigiano con contratto a tempo determinato o indeterminato.

In linea con la filosofia di HModa, le pratiche dell’Ente Formativo Calzaturiero saranno ispirate dalla grande cura e attenzione per la sostenibilità: le materie prime utilizzate durante i corsi saranno infatti provenienti da scarti di lavorazioni di pelle e fodere, mentre le calzature realizzate verranno donate alla CARITAS diocesana, per promuovere una cultura del far bene e della solidarietà, in sinergia  con l’accrescimento delle competenze d’eccellenza e con la tutela e promozione del know-how del territorio come direttrici specifiche del progetto.

Il corso si presenta oggi – venerdì 5 aprile 2024 – ad Istituzioni, media e agli altri stakeholders sul territorio, attraverso un evento di inaugurazione presso i locali della nuova scuola in Via Vittorio Valletta 2.

Claudio Rovere, Fondatore e Presidente di Hind, ha dichiarato: “L’Ente Formativo Calzaturiero nasce con l’importante obiettivo di supportare aziende, brand e imprese nazionali e internazionali attraverso la formazione di risorse specializzate nell’eccellenza manifatturiera della calzatura, patrimonio intangibile del distretto marchigiano e del Made in Italy. I corsi dell’EFC andranno, infatti, ad ampliare l’offerta formativa di Accademia HModa con percorsi di formazione intensivi ed estensivi dal livello principiante al perfezionamento. Vogliamo ribadire la nostra mission di diffondere il Made in Italy, valore fondamentale del Gruppo che tutta Hind mira a preservare e proteggere, con un modello basato sul dialogo costante tra richiesta e fabbisogno delle imprese e sulla sinergia tra pubblico e privato. Proprio per questo motivo abbiamo scelto di inaugurare questa nostra nuova scuola a Civitanova Marche, una posizione strategica e vero punto nevralgico del distretto calzaturiero marchigiano, ricco di realtà rappresentative dell’eccellenza nella produzione calzaturiera del Made in Italy”.

Stefano Aguzzi, Assessore al lavoro e alla formazione della Regione Marche, ha commentato: “L’inaugurazione di oggi si pone come un momento altamente positivo che testimonia come la capacità di creare sinergie tra pubblico e privato, tra mondo delle istituzioni e delle imprese, grazie anche all’importante supporto delle risorse europee, possa generare proficue opportunità per colmare il divario tra domanda e offerta di lavoro. Ho spesso insistito sull’importanza di creare occasioni di formazione con competenze che rispondano ai reali fabbisogni espressi dalle imprese, e la creazione dell’Ente Formativo Calzaturiero delle Marche (E.F.C. Marche) va proprio in questa direzione, attingendo a una delle più identificative delle nostre vocazioni, quella del calzaturiero di qualità, un vanto del nostro Made in Italy. Si vengono a creare così percorsi occupazionali ad alto valore aggiunto, mirati al tessuto produttivo regionale (e non solo), grazie ai quali si valorizza il patrimonio di competenze che arriva dalla nostra tradizione, coniugandolo con una visione innovativa e approfondita sul futuro del settore”.

Fabrizio Ciarapica, Sindaco del Comune di Civitanova Marche, ha aggiunto: “È un piacere per l’amministrazione comunale ospitare qui a Civitanova questo centro di formazione accreditato dalla Regione Marche dedicato all’alta formazione nel settore calzaturiero. Un’iniziativa con la quale puntiamo a creare personale competente e qualificato per le imprese dell’alta moda che hanno già investito in città e che lo faranno, dando una risposta concreta alla carenza di figure specializzate. L’amministrazione da parte sua ha già attivato una serie di sportelli per orientare e formare i giovani e continuerà a sostenere tutte quelle iniziative che possono colmare questa difficoltà. Investire in formazione è sicuramente una strategia vincente per dare ulteriore slancio al nostro distretto calzaturiero.  Ringrazio la Regione Marche, Accademia HModa e Valmor, eccellenza civitanovese che sosterrà il corso, per aver scelto di dedicare tempo e risorse a questa strategia proprio qui a Civitanova”.

Leggi articolo completo
News

Monitor for Circular Fashion

11 Ottobre, 2023
Scritto da HModa
11 Ottobre, 2023
Scritto da HModa

L’11 ottobre 2023 è stata presentata la terza edizione del Report annuale del Monitor for Circular Fashion, parte di SDA Bocconi Sustainability Lab e powered by Enel X, nato nel 2020 con l’obiettivo di offrire una rappresentazione costantemente aggiornata della sostenibilità e circolarità del sistema moda italiano. Dal 2022 HModa collabora con questo progetto, il quale accoglie le aziende virtuose e diffonde buone pratiche di moda circolare, valorizzando competenze tecniche, manageriali e scientifiche, con l’obiettivo di contribuire alla transizione verso modelli di business circolari.

Il Circular fashion manifesto 2023, progetto faro del Monitor for Circular Fashion, dichiara l’impegno di 26 player parte del monitor per una maggiore trasparenza di filiera, in accordo con gli standard fissati dall’Unece-United nations economic commission for Europe.  I commitment, che si ampliano di otto azioni tratte dal report Textile transition pathway, sono esemplificati in 10 progetti pilota sviluppati dalle imprese tra il 2022 e il 2023 con il coordinamento e la metodologia dell’osservatorio di ricerca Sda Bocconi e tramite un approccio di open innovation e partnership nella supply chain.

HModa ha preso parte al monitor attraverso il progetto Think Leather creato dalla collaborazione con Gab group, Quid e Temera, che trasforma gli scarti di lavorazione del pellame in piccoli oggetti di pelletteria realizzati da Quid, un’impresa sociale che promuove l’occupazione inclusiva.

Veronica Bovo, Chief Sustainability Officer, attraverso un intervento sull’impatto della governance sulla sostenibilità e sulla circolarità, ha spiegato il ruolo chiave della governance in un gruppo come Holding Industriale SpA e HModa, che riunisce aziende molto diverse tra loro che operano lungo l’intera catena del valore e che interagiscono come un Gruppo coeso, costruendo eccellenza ed una crescita sostenibile attraverso l’implementazione dei fattori ESG nella mission, vision e valori e nelle operazioni quotidiane.

Leggi articolo completo
This site is registered on wpml.org as a development site.